Art et Culture / Arte è Cultura

Corsu Gaudin/Boulevard Auguste Gaudin

Mis en ligne le

, .JPG 124Ko ()

Quand'ellu hè statu apertu, à u principiu di u XIXu sèculu, in terreni piantati à vigne, stu corsu s'hè chjamatu prima Traverse Royale, poi hà pigliatu u nome di boulevard Sant' Àngelo. Stu segondu nome rammentava u carrughju chì passa sopra è esiste sempre oghje, u carrughju Sant'Angelo. Hè a via chì porta à u cunventu di i Franciscani rifurmati, dedicatu à l'Arcànghjulu San Mighele. (Da ritene chì a forma bastiaccia hè Sant'Ànghjuli).

A denuminazione boulevard Sant' Àngelo hè durata finu à u 1920, quandu a cità decise di dà à a via u nome di quellu chì fù mere di Bastia da u 1888 à u 1912, Auguste Gaudin.

Prima di vede ciò ch'ellu fubbe u percorsu puliticu di Gaudin è ciò chì Bastia li deve, punèmu u persunagiu in u so ambiente familiale è suciale.

U so caccaru Antonio Gaudin, 1770-1850, originariu di Noyon, in u cantone di Berna, in Sguìzzera, hè stallatu cum'è orèfice in Bastia è stà Carrughju Drittu (forma bastiaccia di Dirittu). Antonio Gaudin spuserà à Maria Benedetta Battistini, nata in una famiglia brandinca di marinari.

Unu di i sei figlioli di u coppiu, Alessandro, 1820-1881, cummessare di marina piglierà per sposa à Angelica Benedetti, di un'antica sterpa bastiaccia di spiccu chì hà datu numerosi magistrati è mèdichi è dete nascita à l'imbasciadore di Napuleone III, Vincent Benedetti.

Sò Angèlica Benedetti è Alessandro Gaudin i genitori d'Auguste, in u 1848.

Auguste Gaudin, bunapartistu in l'ànima, entra à u Cunsigliu municipale in u 1878. In u 1882, piglia u postu di primu agiuntu, diventa mere in u 1888 è firmerà primu magistratu di Bastia finu à a so morte, u 12 di lugliu di u 1912.

In u 1882 serà elettu dinù cunsiglieru generale di Campile è in u 1898, cunsiglieru di Terravechja. Invece, à l'elezzione legislative di maghju 1906, serà battutu da Henri Pierangeli ma averà a suddisfazione di ghjunghje primu in a so cità.

Per dà pettu à a crisa ecunòmica grave chì culpisce a Corsica tandu è porta u disimpiegu è a miseria, Gaudin "per buscà travagliu à a classa operaia minacciata da un periculu imminente di disimpiegu", face aduttà un prugramma d'apertura di carrughji. Cusì chì, in u 1889, princìpianu i travagli di u Carrughju di e Capannelle; in u 1891 di u Carrughju di A Gara (oghje Carrughju Gabriel-Peri) è si cuntinueghja à apre a futura Avenue Emile-Sari, tandu boulevard de Toga, travagli principiati in u 1887. Per assanì a cità, face custruì in u 1889 un gran cunduttu maestru è cabinetti pùblichi. In u 1909, a municipalità passa cuntrattu pè a stallazione di l'illuminazione pùblica à l'elettricità. Anderanu à bon fine i travagli ma Gaudin ùn ci serà più per assiste à l'inaugurazione di l'usina u 9 di ghjugnu di u 1913.

Per altru, Auguste Gaudin scumbatte per compie i travagli di u portu novu, a piazza Santu Niculà piglia a so forma attuale è ghjè à ellu ch'è no duvimu a stallazione di l'usina à gas inaugurata in u 1911.

Sottu à a mandatura di Gaudin, Bastia s'ingranda è si mudernizeghja.

U mere deve fà fronte à i frastorni amministrativi. Cusì chì u sottu prefettu à quandu ricusa u bugettu, mettendu u cunsigliu municipale in un imbarrazzu maiò, à quandu cuntrasta cù u mere, passendu pè a stampa. Si sà chì tandu i prefetti ùn stàvanu tantu à intervene in l'affari di e municipalità è favurizàvanu i meri republicani à discàpitu di i meri bonapartisti.

Vicinu da l'operai, Gaudin ùn esiteghja à impignassi cun elli in e so lotte rivindicative, cusì u 17 di lugliu di u 1901, in Bastia, quand'elli si mettanu in greva l'impiegati di u trenu. A Cumpagnia ricusa di neguzià è u Guvernu manda cinquecentu militari chì s'impòstanu Carrughju di a Gara. U mere tandu s'accanta subbitu à l'operai. Multiplicandu i cuntatti trà di grevisti è dirigenti di a Cumpagnia, in accordu cù u sottu prefettu, cerca chì a situazione ùn impeghjurisca.

I prublemi di l'affari marìtimi ùn làscianu à Gaudin indifferente, è à u Cunsigliu generale, intervene parechje volte specialmente per dinunzià u costu eccessivu di u trasportu di mercanzie. Infine, quand'ellu si parla di supprime i decreti Miot, si ribella è dichjara chì "sta suppressione saria un veru disastru pè a Corsica è una causa di spupulamentu ..."

Auguste Gaudin more u 12 di lugliu di u 1912. A sala di u Cunsigliu municipale hè trasfurmata in cappella ardente, chjodenu i magazini è tutte e festività previste pè a ghjurnata di u 14 lugliu sò annullate.

Gaudin fù un mere dinàmicu, visiunariu in ben parechji duminii è a nostra Bastia li deve assai.

Di ghjennaghju di u 2019

Carlu Castellani è Ghjermana de Zerbi