Patrimoine / Patrimoniu

Carrughju di l'Imperatrice (1826-1920)

Mis en ligne le

Eccu quì l'ottèsima presentazione di certi carrughji di a nostra cità pruposta da Carlu Castellani è Ghjermana de Zerbi.

Stu carrughju in pèndita, chjamatu prima Chemin de l'Usine à Gaz poi Chemin de l'Ancienne Usine à Gaz, principia à u giratoghju di Toga è compie in cima di u Corsu Generale Graziani. Ci fù custì a prima usina à gas bastiaccia da u 1855 à u 1912, poi in l'anni 1960 a stanza murtuaria municipale.

U carrughju si chjama cusì per via di a vìsita fatta da l'Imperatrice Eugénie in Bastia in u 1869.

María Eugenia Ignacia Agustina de Palafox-Portocarrero de Guzmán y Kirkpatrick, marchesa d'Ardales, marchesa di Moya, vintèsima cuntessa di Teba - detta Eugénie de Montijo - nata u 5 di maghju di u 1826 in Granada (Spagna), morta l'11 di lugliu di u 1920 in u palazzu di Liria in Madrid hè a moglia di Napuleone IIIu, imperatore di i Francesi, è dunque imperatrice di i Francesi ella da u 29 di ghjennaghju di u 1853 à u 4 di settembre di u 1870.

D'avè esercitatu a regenza in a guerra di u 1870 face ch 'ella hè l'ultima donna à avè guvernatu a Francia cù e prerugative d'un capu di statu.

1 - A PETRA DI L'IMPERATRICE

Di lugliu di u 1869 a municipalità bastiaccia - u merre hè Antone Piccioni - ampara chì l'imperatrice Eugénie, chì prevede d'andà in Aiacciu per festighjà i cent'anni di a nàscita di Napuleone u Iu, si canserà in a capitale di u Cismonte.

Subbitu almanaccheghja un ricevimentu pumposu. In primu prevede di custruì un scalu in cima à Piazza Santu Niculà - chì u libecciu si spiccerà di parassi - poi di celebrà una messa in Santa Maria è infine pensa à pone, in Toga, a prima petra d'un futuru ospidale battizatu Hospice Eugénie. Tuttu què in a furia è u precipiziu senza preparazione nisuna.

L'ospidale ? Piani ùn ci ne hè, nisun finanzamentu hè previstu è nisuna strada permette l'accessu à u terrenu chì tandu ùn hè ancu urbanizatu. Ci volse à accuncià un chjassu à spiccera, dassi di manu per schjarisce a cità, cumprà circa duiecentu bandere è stallà numerosi archi di trionfu.

Per certi cummentatori a spesa trapassò i 50.000 franchi ! Un veru frazu vistu a mancanza d'infrastrutture ch'ella patìa a cità è a miseria chì lampava in carrughju decine di circataghji chì giràvanu pè e vie, campàvanu à stantu in catapechje è, à leghje a stampa, assiccàvanu viandanti è cummercianti. Pocu importa ! U 28 d'agostu l'Imperatrice accumpagnata da u Prìncipe imperiale scala à u vechju portu sottu à l'evive di a folla chì l'accoglie in trionfu.

Si pone a prima petra.

Dopu à avè intesu un Te Deum in a Catedrale Santa Maria, u curteu imperiale fala in Toga. A cerimònia di a punitura di a prima petra si face in cima di l'attuale Corsu Generale Graziani, in presenza di u merre Antoine Piccioni, di l'auturità civile - u prefettu Géry hè venutu da Aiacciu - militare è religiose.

Ognunu fece un discorsu. U merre salutò "a Graziosa suvrana è u so augustu figliolu", u prefettu impignò l'avvene "Di u sognu n'avete fattu una realità". Poi tuccò à l'Imperatrice d'esequì u gestu simbòlicu. Riposta a cazzola, a suvrana partì per Aiacciu è di a petra ognunu si ne scurdò. Nondimenu a toponimìa ci buscò una parolla nova postu chì oramai, Bastiacci indittonu u locu cù u nome di " A petra di l'Imperatrice " è a municipalità, rammintèndusi sta vìsita, battizò un carrughju vicinu Rue de l'Impératrice Eugénie.

Da ritene chì a famosa petra fù diposta à u museu di a cità in l'anni 1970.

2 - L'USINA À GAS DI CARRUGHJU IMPERATRICE EUGENIE

Tempu elettu in u 1854, u merre Piccioni decide di schjarisce à u gas i carrughji di Bastia. In u scopu di custruì un'usina chì furnisce gas per fà lume, crea cun l'armatore Ghjiseppu Valery è u banchieru Sebastianu Gregory, una sucetà in accummàndita di 120.000 franchi.

U prugettu andò à salvamentu ; l'usina fù custruita in u 1855 è viaghjò sinu à u 1912. Si truvava nantu à u situ occupatu oghje da u casale " Le Provence ", carrughju di l'Imperatrice.

Indaretu à u casale, in a corte accunciata da cansatoghju, si vede sempre una parte di a muratura di i dui gasòmetri di l'usina chì era cumposta da un bastimentu di circa 900 m2 cun dipòsiti, un fornu induv'ellu si facia brusgià u carbone di terra, duie conche per l'epurazione di u gas, gasòmetri chì dàvanu una pressione custante à u gas, necessaria per a so distribuzione è infine un fumaghjolu assai altu.

L'usina chì fù riacquistata in u 1858 da l'armatore Valery avia permessu di realizà u schjarimentu pùblicu à u gas è d'appruvistà unepoche di case di a cità. Fubbe un prugressu appettu à u schjarimentu à oliu chì era di u 1931; tandu a municipalità avia fattu stallà in i carrughji principali vintisei lampioni armati di riserve à oliu è impiegava un accendidore incaricatu di u mantenimentu.

Carlu CASTELLANI è Ghjermana de ZERBI

Lugliu 2019