Patrimoine / Patrimoniu

Chì hè u sensu di u carrughju di A Chjappa, in Citatella ?

Messu in linea u

chjappa ripa saint michel bastia citatella  - , .JPEG 259Ko ()

Eccu u primu articulu scrittu da Ghjermana de Zerbi pè a Cità di Bastia. Ci cunterà quì storie è sturiette forse scunnisciute di a nostra cara cità. Oghje andemu in Citatella di Bastia, à caminà pè sta Ripa...

Nome stranu è chì ùn hè più capitu da nimu, chì hè u sensu di u carrughju di A Chjappa, in Citatella,  diventata "rue Saint-Michel" versu l'anni 1970 ?

Principiemu cù a nàscita di Bastia, in u 1378 è a custruzzione, fatta da l'auturità ghjenuvesi, di una torra di difesa chjamata la bastia di Porto Cardo.
Cent'anni dopu, in u 1480, principianu à cullà e prime case, una cinquantina, ci dicenu i ducumenti. Sò casucce à un pianu solu, cù u so tettu spianatu.
A cità, chì si sparte abbastanza prestu in Terra nova detta Insù, è Terra vechja, chjamata Inghjò, si struttureghja pocu à pocu : Insù, u Putere ghjenuvese, l'Amministrazione, l'Armata, A Chjesa è Inghjò, u sviluppu ecunòmicu, u dinamìsimu cummerciale, u tràfficu di u portu.
Manu à manu l'organizazione di a cità si mette in ballu, Bastia conta 500 abitanti in u 1500 è ci vole à pensà à almanaccà un mercatu cù e so règule cummerciali. Si sceglie a cima di A Ripa, chì i vechji Terrenuvacci chjamanu sempre cusì ancu oghje. Tutti i prudutti, quelli di a pesca cum'è quelli di a campagna, i furesteri è i nustrali sò purtati à  A Chjappa, in cima di A Ripa, cuntrullati da un uffiziu chjamatu Magistrato dell'Abbondanza, in Terranova. Ùn si dice ancu "in Citatella", essendu a citatella u nome datu à u Palazzu di u Guvernadore.
Micca solu quì, ma in tutta l'Italia, in "Terraferma", u mercatu si chjama "la Chiappa", "a Chjappa " per noialtri. Perchè ? la chiappa / a chjappa vole dì a lastra, a petra piana è liscia induv'ella si pò spone a mercanzia. A prima Chjappa nasce quì, più tardi veneranu a Chjappa di l'oliu, è a Chjappa nova, à U Guadellu.
Hè tandu chì un usu crudele, ghjuntu da a Roma antica vense à suminà u cumbugliu è a vergogna. Per casticà i cummercianti falliti, apposta o à disgrazia, li si impuniva di calà e braghe, indavanti à tutti, trè dumeniche à fila è di minà di culatte nantu à una petra, u lastrone quellu di Terranova, la pietra dello scandalo o dell'infàmia, in Fiurenza. Cusì chì "andà di culu in chjappa" diventò sinònimu di esse un cummerciante arruvinatu.
Ma l'omunimia è a pèrdita di a lingua fècenu nasce l'imbrogliu : a listessa parolla, chjappa, indetta una petra è una cula. Cusì chì u carrughju di A Chjappa fù capitu "carrughju di a cula".
È unepoche di donne educate chì stàvanu custì ùn pòbbenu ammette ch'elle dimuràvanu in u carrughju di a cula ! Fècenu cambià u nome in "Rue Saint-Michel", l'onore era salvu.
Hè cusì chì oghje quelli chì fàcenu e visite guidate di Bastia sò cuntenti di pudè cuntà à i turisti chì si spànzanu ch'elli sò in u carrughju di a cula. Di siguru, avete capitu, quellu di a prustituzione.