U Cristu Negru

Messu in linea u

Ogni 3 di maghju hè festighjata cun fervore è devuzione a scuperta di a Santa Croce.

In Bastia a sulennità hè doppia postu ch’ella hè festighjata a scuperta di a Santa Croce da Santa Lena ma dinù quella di u Cristu Negru da piscadori di u lucale.

U fattu stalvò in u 1428, inde a notte trà u 2 à u 3 di maghju, dui piscatori bastiacci d’anchjuve, Camugli è Giuliani affaccendati à u tirà di e rete videnu una forma imbrugnata gallighjà nant’a u mare chetu.

Intimuriti è attempu incuriusiti, i dui marinari s’avvicinonu è ciò ch’elli credianu di esse una tavuletta di nave affundata diventò sott’à i so ochji sburlati u Santissimu Crucifissu di i Miraculi.

Dopu à tanti strapazzi hè allucatu inde l’oratoriu Santa Croce induve ellu hè sempre riveritu cun devuzione ogni 3 di maghju da i pescadori di Bastia è ludatu da i cantori di a Cunfraterna eponima cù u cantu sulenne di « I stendardi di u rè » (Vexilla Regis).