Verniciatura di a mostra "Abrei rifughjati in Corsica mentre a guerra di u 14"

Messu in linea u

, .JPEG 417Ko ()

Luni u 5 di settembre di u 2016 à u peristiliu di u teatru di Bastia

Pierre Savelli, Merre di Bastia, a municipalità, Gérard Lévy, Presidente di l'Associu cultuale israelitu di Bastia è di a Corsica, Raymond Arouch, Presidente di u Centru Fleg, (Centru Culturale Ebreu di Marseglia), vi preganu di falli l'onore d'assiste à l'inaugurazione di a mostra « Juifs réfugiés en Corse Pendant la Première Guerre Mondiale », Luni u 5 di settembre, à partesi da 6 ore di sera, in u peristiliu di u Teatru di Bastia.

Issa mostra hè stata rializata da i membri di u Centru Culturale Fleg, riprisentati da a so Direttrice Martine Yana.

Ci spiega cum’elli sò scalati in Bastia 740 ebrei siriani, in u 1915. Iss'omi fughjiti, cacciati fora prima da i Turchi in terra d'Israele, in Tiberiade, è dopu da i Grechi di a Canea, funu accolti da i Corsi cun primura. Si ritrovanu e testimunianze cummuvente di a sulidarità è di l'uspitalità corsa. Iss’ebrei ch'anu amparatu a lingua corsa, in più di u ghjudeu-arabu è di l'ebreu, è chì si sò integrati à a populazione.

À tempu Ebrei è Corsi...

 

Da scopra da u 5 à u 23 di settembre, in u peristiliu di u Teatru di Bastia.

 

Intrata libera