Bastiacci famosi

César Vezzani (08.08.1888 - 11.11.1951)

César Vezzani era cugnumatu da u zar Niculaiu II, l’Imperatore di i tenori

Avia César Vezzani, è omu ùn ne pò mancu appena dubbità, una frà e voce più belle di ogni tempu. Cugnumatu da u zar Niculaiu II, l’Imperatore di i tenori, si hè stesa a so fama finu à u Palazzu Imperiale di San Petruburgu. Dopu studiatu à u Cunservatoriu di Tulò, ci hà scuntratu a cantatrice Agnès Borgo ch’ellu piglierà per moglia, è à quellu di Parigi induv’ellu vince una decina di premii, principia a so carriera in a capitale à vinti trè anni. Subitu subitu, hè un successu. Stabbilitu si in Marseglia, girerà l’Auropa sana è incanterà l’appassiunati di bel canto. A so tessitura unica li averà permessu di cantà tuttu. Quelli chì l’anu fraquintatu in u so cutidianu dicianu ch’ellu era omu di caratteru, danciu assai è tramutendu si sempre cù a so scorta di ammiratori.

 

 

Louis Capazza (17.01.1862 - 28.12.1928)

Fù ellu, u primu, à varcà u Mediterraniu cù un aviò

Un giuvanottu bastiacciu di vinti quattru anni, scunnisciutu tandu, hà da realizà una prova maiò, u 14 di nuvembre di u 1886. Questa sarà scritta in a storia di l’aerunautica. Hè u primu à varcà u Mediterraniu cù un aviò. Partutu da Marseglia cù u so cumpagnu di squadra A. Fondère per un viaghju chì s’assumiglia à un’epupea, riesce à ghjunghje finu à e coste aiaccine in u so ballone liberu u Gabizos. Da tandu, sarà l’autore di parechje prudezze Louis Capazza, hà da stabbilisce prove primiate numerose in a so disciplina, l’aerustatica :

In u 1908, vulerà sopra à Parigi fendu dui centu chilometri mancu in cinque ore. U listessu annu, hè u primu à ghjunghje à dui mila metri di altitudine.

In u 1910, varca a Manica cù un ballone dirigevule per a prima volta. Louis Capazza, da inventadore, hè à l’origine di e prime splurazione di l’alta atmosfera aduprendu balloni sonde.

 

 

Tommaso Prelà (21.12.1765 - 27.02.1846)

Medicu persunale di u Papa Piu VII, po di Piu VIII

Tommaso Prelà hè u primu natu in una famiglia di neguzianti asgiati. Hè mandatu in Firenze à l’età di nove anni, po in Roma da fà i so studii universitarii, di filusuffia à a Sapienza, di medicina in Santo Spirito. E so qualità è e so cumpetenze li permetteranu di esse u capimedicu di stu spedale. Accoltu in u chjerchju strettu assai di u Vaticanu, diventa medicu persunale di u Papa Piu VII, po di Piu VIII. Praticu à a Corte puntificale, scuntrerà spessu Principi letterati mentre e so « conversazione » famose assai, à e quale participerà è induv’ellu sarà tenutu in alta stima. E so duie passione eranu a medicina è a so bibliuteca. In u so testamentu, sprime a vuluntà soia di lascià « a so ricca è preziosa bibliuteca à a so cità nativa da ch’ella sia cunservata è aperta à l’istruzzione publica ».

Per via di stu donu, in u 1829, u cunsigliu municipale li sprime i sintimi di ammirazione è di gratitudine di l’inseme di i Bastiacci.

 

 

 

Salvatore Viale (06.09.1787 - 23.11.1861)

U tercanu di a puesia isulana

 

Fù magistratu, sustitutu di u pricuratore di u rè è cunsigliere pressu a Corte d’Appellu di Bastia. Ma, à Salvatore Viale, a so nomina li vene di a so opera literaria di prima trinca. À stu tercanu di a puesia isulana, hè a so creazione più cunnisciuta, a Dionomachia, à assicurà li a so fama. Questu libru publicatu in Londra in u 1817, sarà editatu sei volte longu u seculu. Scrittore di lingua taliana, testimone di  u carattere doppiu di a cultura corsa à u principiu di u seculu XIX ; e so leie incù Firenze è i scrittori di u prerisorgimento anu participatu à dà una dimensione aurupea à l’ambiu intellettuale bastiacciu.

 

 

Giuseppe Sisco (1748-1830)

Medicu persunale di i Papa Piu VII è Piu VIII

Da sempre, a fama di l’ « élite » bastiaccia hà varcatu i limiti di a Corsica. Hè stata cusì per Giuseppe Sisco. Natu in Bastia in u 1748, face studii di altu livellu di medicina in Roma. E so cumpetenze li permettenu di esse prufessore di chirurgia à l’università di a Sapienza.  Hè per via di a nomina internaziunale chì li vene di sta funzione ch’ellu hè chjamatu da esse u medicu persunale di i Papa Piu VII è Piu VIII. Hè cunsideratu tandu in Auropa cum’è un spezialistu di altu valore in u duminiu di a medicina chirurgicale.

Quand’ellu more in u 1830, lascia à a so cità nativa a so furtuna per ch’ella permetti di creà borse di studii per i giovani Bastiacci. Bastia, unica cità di Corsica à apprufittà di simile dutazione, manda una cinquantina di bursieri, frà i quali trenta sette artisti (architetti, scultori è pittori). Sta lascita rinforza u rollu ch’ella hà Bastia in a nascita di una scola artistica corsa.

Di fatti, a maiò parte di sti bursieri anu da diventà artisti prufeziunali in Corsica, in Francia cuntinentale o inde l’imperu culuniale. 

Sta lascita hà da permette à trè generazione di artisti corsi di influenzà è furmà u gustu artisticu di l’isulani, per via di u so insignamentu, di e so creazione è di l’animazione di una vita culturale in a cità, à tempu ricca è diviziosa.

L’ultima borsa di a lascita Sisco hè stata data in u 1927.