Museu di Bastia

U cunniscite u Museu di Bastia ! Ete li visti i so giardini suspesi ?

U Museu di Bastia

 

Dapoi u 25 di ghjugnu di u 2010,

prupone u Museu di storia di Bastia, à quelli chì u volenu visità, di scopre u risultatu di 10 anni di travagliu : e sale rinnuvate di u Palazzu di i Guvernatori genuvesi, u so percorsu permanente.

A prisentazione permanente si face segondu tematiche. Sò trè vie principale à astradà u discorsu : l’urbanisimu, u pesu puliticu, suciale è ecunomicu di a cità, a so ricchezza intellettuale è artistica.

Bastia, a capitale di a Corsica genuvese, ferma l’inseme urbanu più ampiu à quella epica.

Ci vole à aghjustà ch’ella hè a cità di Corsica duve u numaru di edifizii religiosi barocchi hè u più impurtante. Hè dinù l’esempiu più cumpitu di un’allarghera à tempu citadina è industriale inde l’isula mentre u XIXu seculu.

Issi avantaghji pulitichi è ecunomichi anu permessu u spannamentu di una vita intellettuale è a so fama hà varcatu i limiti di a Corsica.

 

Caminendu da un museu à l’altru : storia di una stituzione

 

A creazione di un museu in Bastia hè vechja di un seculu è più. In u 1898, a Sucetà di Scenze Storiche è Naturale di a Corsica decide di cuncoglie e so cullezzione chì trattavanu di geulugia, di mineralugia è di archeulugia, li sò accunsentute unepoche di sale in u Teatru di Bastia da pudè le prisentà.

Diventa municipale u museu, à u principiu di u 20u seculu, è sò arricchite e cullezzione.

Hè trasferitu in u 1922 in a caserna Marbeuf, hè chjamatu tandu « Museu Corsu di Bastia ». Mentre l’occupazione, una parte maiò di e so cullezzione hè persa è i so archivi, per via di l’arrubbecci.

À succede li, in u 1952, hè u « Museu di Etnugrafia Corsa » stabbilitu in u Palazzu di i guvernatori genuvesi. Questu si primureghja soprattuttu di l’etnugrafia rurale, e cullezzione venute da l’anzianu museu sò quantunque accolte è e tematiche accustate sò diverse.

Crescenu assai e cullezzione, per indettu l’integrazione ufficiale di 70 pitture di l’anzianu museu in u 1956 è a lascita di a cullezzione Carlini in u 1973 sò mumenti assignalati.

Eppuru, si accorghje omu chì a prisentazione invechja è u museu ùn cunface più à l’esigenze nove di u publicu. Si decide tandu di inizià travagli da rinnuvà u stabbilimentu è da ingrandà lu, turnendu à custruisce i pezzi di u palazzu spiantati mentre l’ultima guerra.

L’apertura, in u 1997, di u museu regiunale di antrupulugia di Corti palesa  a scaduta di a vucazione etnugrafica di u museu di Bastia. Sceglie dunque di cuncentrà si à nant’à a storia di a cità.

In u 2004, un prugramma scentificu è culturale novu hè messu in opera da permette di travaglià à nant’à e cullezzione è arricchisce le, è di inizià campagne di ristoru di l’opere.

 

Un casamentu rinnuvatu

 

In u 2004, i travagli da rinnuvà u Palazzu di i guvernatori sò stati attribuiti à u cabinettu di architetti parigini C+D, Daniel Cléris è Jean-Michel Daubourg.

U situ di u museu ùn hà u so paru in a cità : a furturezza, custruita induv’ellu fù innalzatu u primu edifiziu di a cità, strapiumba u mare è u Vechju Portu. Fora di a destruzzione di una parte di i bastimenti à u Nordu è à Punente in u 1943, hè pocu cambiatu u casamentu dapoi l’epica genuvese, si tene cusì u so garbu anzianu.

Dui elementi principali cumpunianu issu prugettu : a reabilitazione di e parte più anziane di stu munumentu storicu è, turnà à custruisce i bastimenti distrutti in parte mentre a Seconda Guerra, dendu li un versu di più cuntempuraneu chì possi cunface à l’usu museale di l’edifiziu.

Si stende à nant’à 8 213 m², frà i quali 1 345 m² sò custruzzione nove.

Attrazzi novi sò stati creati da permette à u Museu di sviluppà e so azzione : una entrata da accoglie a ghjente, sale cunsacrate à e mostre tempuranee, un auditoriu, attelli pedagogichi, riserve allargate, centru di ducumentazione…