A Chjesa paruchjale San Ghjuvan’Battista

Hè a chjesa più maiò di Corsica San Ghjuvan’Battista. Hè stata innalzata trà u 1636 è u 1666 induv’ella ci era, prima, una cappella.

In u 2000 hè classificata cum’è Munumentu Storicu

Eglise paroissiale Saint Jean-Baptiste - Allargà a fiura, .JPG 700Ko (fenêtre modale)
Eglise paroissiale Saint Jean-Baptiste© cità di bastia

Fù l’architettu bastiacciu Paul-Augustin Viale à compie a facciata di a chjesa in u 1864. Mentre issi travagli, fubbenu custruiti u fruntone triangulare è u campanile di diritta. Quellu di manca l’avia innalzatu u maestru muratore svizzeru Tomaso Quadri in u 1810.

Hè riccu assai u decoru nentru à a chjesa. Omu pò vede l’altare maiò di marmaru, cumandatu in Genuva in u 1693 à u scultore di ceppu marsegliese Honoré Pellé. Ferma sempre, à manca di l’altare maiò, u tronu vescuvile di Munsignore Matteo Guasco, natu in Bastia è ultimu vescu di Sagone (finu à a Revuluzione era stabbilita a so sede in Calvi).

A catedra da predicà hè a più preziosa di l’isula. U so marmaru biancu hè intarsiatu di ghjaspru di Sicilia, di giallu di Sienna è di verde di Polcevera. Cumandata in u 1779 in Genuva, sò i scarpellini Gaetano è Gian Andrea Torre (babbu è figliolu) à avè la fatta. Spedita in parechji pezzi in una cascia, hè stata posta in chjesa in u 1781.

A tribuna di l’organi maiò hè fora di u cumunu. Custruita in u 1742 da u maestru bancalaru bastiacciu Giovan Battista Terrigo, i so cuntorni arditi è e so dimensione maestose ponu ramintà a poppa di un galione di l’epica barocca.

L’altari posti à ogni latu sò adurnati à pitture barocche, di a scola genuvese per u più (Domenico Piola, Giovanni Raffaele Badaracco, Lorenzo De Ferrari). 

 

Et aussi...

  • A Catedrale Santa Maria Assunta

    U decoru hè l’opera di i maestri stuccatori è di i pittori di u XVIIIu è di u XIXu seculu. Hè stata arricchita da i doni diviziosi di i veschi, di i curati è di i guvernatori chì anu datu pitture, statule, ogetti di orificeria. Per via di quessa, Santa Maria face un bellu spiccu in Bastia.

  • Palazzu di i Guvernatori

    L’edifiziu originale hè statu innalzatu da u guvernatore genuvese, Leonello Lomellini, in u 1380. Tandu, era solu una custruzzione furtificata chì hà datu u so nome à a cità « la Bastia ».

  • Piazza San Niculà

    Longa 280 metri è larga 80, u nome di a piazza San Niculà li vene da una chjesa è da un ospedale custruitu, mentre u Medievu, in issu locu. Questi sò stati spiantati in u 1889, da pudè allargà a piazza è allungà u corsu Paoli.

  • Casamentu di i Nobili Dodeci

    Fù innalzatu in u 1703 duv’elle ci eranu nanzu e butteghe. U Casamentu di i Nobili Dodeci era a residenza di u raprisentante elettu di u « Di quà da monti » (u Cismonte oghjincu) chì cunsigliava u guvernatore genuvese.

  • A Porta Luigi XVI

    Era prima l’unicu accessu da pudè entre in a Citadella accinta ch’ella era da muraglioni, finch’ella fussi aperta a porta cù e turricelle, in u 1936, davanti à a catedrale. Sta porta maiò hè rifatta è imbellita in un stile necolassicu, mentre u regnu di Luigi XVI.

  • Oratoriu di a cunfraterna di a Santa Croce

    L’oratoriu di a cunfraterna di a Santa Croce, innalzatu in u 1543 nant’à un terrenu pussedutu da a basilica di San Ghjuvanni di u Lateranu chì hè a catedrale di u pontefice, hè dedicata à A Nunziata. In u 1600, si torna à custruisce l’edifiziu, da tandu ùn hè cambiatu per ciò chì tocca à e so dimensione.

  • Oratoriu di a cunfraterna di l’Immaculata Cuncezzione

    Hè stata fundata in u 1588 a cunfraterna di l’Immaculata Cuncezzione. L’edifiziu chì li ghjova di cappella hè statu compiu in u 1609. A so facciata l’adorna un purtone baroccu di u 1704, è hè ricuperta da lastre di marmaru di Carrara, poste in u 1858 è in u 1859.

  • Oratoriu di a cunfraterna di San Roccu

    Fù fundata in u 1588 a cunfraterna di San Roccu. Segondu a tradizione hè riservata à i giuvanotti di parochja di a cità bassa, omi fatti a devenu lascià da entre in un’altra cunfraterna.

  • Piazza Vincetti - Piazza d’Arme

    Prima sbuccava un ghjargalu in u Portu Vechju. Era l’anzianu portu di u paese di Belgodere, stabbilitu sopra à Bastia, sparitu oghje.