Casamenti

Assicureghja a Cità u mantenimentu è a valurisazione di l’edifizii patrimuniali soi, frà i quali tenenu u primu postu e chjese situate nant’à u so territoriu, chì sò da cunsiderà. Vensenu innalzate prima di a lege di spicchera trà a Chjesa è u Statu di u 1905.

- Allargà a fiura, .JPG 619Ko (fenêtre modale)
Saint Angelo

Sti edifizii è i so decori, di stile baroccu o neoclassicu, testimunieghjanu di u dinamisimu artisticu di a cità è di a so ricchezza. U studiu sistematicu di sti edifizii hà permessu a creazione di una cullezzione di munugrafie in vendita in a buttega di u museu municipale di arte è di storia.

Per altru, pussede a cità casamenti civili nutevuli, ne assicureghja a valurisazione è u mantenimentu. Frà i quali u Palazzu Caraffa, una dimora assignalata, a parte più antica di l’abitazione vene da u XVIIu seculu, u Cunventu Sant’Anghjulu (fundatu in u 1612) o a casa cumuna à nant’à a piazza à u Mercà (1872-1877).

Face l’inventariu è ducumenteghja i casamenti s’elli anu un interessu per via di a so architettura, a so storia o i so decori. Si tratta sia di edifizii privati, sia publichi, ponu esse civili, militari o religiosi.

Stu travagliu hè sbuccatu à nant’à a creazione di un percorsu patrimuniale. Quand’ellu sarà compiu 70 edifizii rimarchevuli veneranu prisentati. D’altronde, una maiò parte pussedenu digià un pannellu signaleticu in parechje lingue.

À a cità, per via di a so pulitica patrimuniale, li hè stata cunceduta, dapoi u 2000, u labellu di Cità di arte è di storia.

 

[Texte à traduire en "Corse" :] dans la rubrique

Dans cette rubrique

  • Piazza San Niculà

    Longa 280 metri è larga 80, u nome di a piazza San Niculà li vene da una chjesa è da un ospedale custruitu, mentre u Medievu, in issu locu. Questi sò stati spiantati in u 1889, da pudè allargà a piazza è allungà u corsu Paoli.

  • Piazza Vincetti - Piazza d’Arme

    Prima sbuccava un ghjargalu in u Portu Vechju. Era l’anzianu portu di u paese di Belgodere, stabbilitu sopra à Bastia, sparitu oghje.

  • Oratoriu di a cunfraterna di l’Immaculata Cuncezzione

    Hè stata fundata in u 1588 a cunfraterna di l’Immaculata Cuncezzione. L’edifiziu chì li ghjova di cappella hè statu compiu in u 1609. A so facciata l’adorna un purtone baroccu di u 1704, è hè ricuperta da lastre di marmaru di Carrara, poste in u 1858 è in u 1859.

  • Oratoriu di a cunfraterna di a Santa Croce

    L’oratoriu di a cunfraterna di a Santa Croce, innalzatu in u 1543 nant’à un terrenu pussedutu da a basilica di San Ghjuvanni di u Lateranu chì hè a catedrale di u pontefice, hè dedicata à A Nunziata. In u 1600, si torna à custruisce l’edifiziu, da tandu ùn hè cambiatu per ciò chì tocca à e so dimensione.

  • Oratoriu di a cunfraterna di San Roccu

    Fù fundata in u 1588 a cunfraterna di San Roccu. Segondu a tradizione hè riservata à i giuvanotti di parochja di a cità bassa, omi fatti a devenu lascià da entre in un’altra cunfraterna.

  • A Porta Luigi XVI

    Era prima l’unicu accessu da pudè entre in a Citadella accinta ch’ella era da muraglioni, finch’ella fussi aperta a porta cù e turricelle, in u 1936, davanti à a catedrale. Sta porta maiò hè rifatta è imbellita in un stile necolassicu, mentre u regnu di Luigi XVI.

  • A Chjesa paruchjale San Ghjuvan’Battista

    Hè a chjesa più maiò di Corsica San Ghjuvan’Battista. Hè stata innalzata trà u 1636 è u 1666 induv’ella ci era, prima, una cappella.

  • Casamentu di i Nobili Dodeci

    Fù innalzatu in u 1703 duv’elle ci eranu nanzu e butteghe. U Casamentu di i Nobili Dodeci era a residenza di u raprisentante elettu di u « Di quà da monti » (u Cismonte oghjincu) chì cunsigliava u guvernatore genuvese.

  • A Catedrale Santa Maria Assunta

    U decoru hè l’opera di i maestri stuccatori è di i pittori di u XVIIIu è di u XIXu seculu. Hè stata arricchita da i doni diviziosi di i veschi, di i curati è di i guvernatori chì anu datu pitture, statule, ogetti di orificeria. Per via di quessa, Santa Maria face un bellu spiccu in Bastia.

  • Palazzu di i Guvernatori

    L’edifiziu originale hè statu innalzatu da u guvernatore genuvese, Leonello Lomellini, in u 1380. Tandu, era solu una custruzzione furtificata chì hà datu u so nome à a cità « la Bastia ».