Art et Culture / Arte è Cultura

A storia di u carrughju Campinchi

Mis en ligne le

rue opera campinchi bastia  - , .JPG 74Ko ()Source : Rutali BlogSpot

Eccu oghje, prupostu da Carlu Castellani è Ghjermana de Zerbi, u Carrughju Campinchi o Rue de L'Opéra pè i vechji Bastiacci. Da rimarcà chì sta via, nata à a fine di u XIXu sèculu, ùn s'hè mai chjamata cù a forma corsa di "carrughju di l'Òpara".

A municipalità di Bastia principia à fà apre stu carrughju ver di u 1850. U Cunsigliu municipale avia bramatu ch'ellu diventassi "unu di i più belli è impurtanti carrughji di a cità". Fù chjamatu in prima "Rue n°3". Dopu a custruzzione di u teatru - inauguratu in u 1879 - piglia u nome di "Rue de l'Opéra". Sottu à u regime di Vichy diventa "rue Jean Chiappe", pè u prefettu di pulizza corsu, poi dopu à a Liberazione piglia torna u nome ch'ellu porta sempre oghje.
César Campinchi (1882-1941), di Calcatoghju, in a Cinarca, avucatu, fù diputatu di a circuscrizzione di Bastia è trè volte ministru, di a Marina, di a Ghjustizia è di a Marina militare. Spusò à Hélène Landry, figliola d'A dolphe (1874-1956), omu pulìticu, capipartitu di a manca corsa. Hélène Landry Campinchi, avucata anch'ella, fù una grande resistente. Dopu à a morte di u maritu, cuntinueghja a so òpera à favore di a prutezzione di i zitelli minori, essendu presidente di a cumissione ministeriale incaricata d'appruntà sta lege.

           À principiu di u XXu sèculu, i numerosi fondi appigiunati da i pruprietarii di mezi di trasporti avianu trasfurmatu a via in "carrughju di e stalle di vitturini di calesce" (Le Petit Bastiais, 24 d'ottobre di u 1900). Ma ver di u 1930, benchè sempre imbarazzatu da numerose carrette è ospitendu un gran numeru di "cantine", era diventatu unu di i carrughji i più cummercianti di a cità.
Per altru numerose persunalità di u mondu di l'arti o di a pulìtica ci stàvanu. Citèmune unepochi :
- À u 9, Santu Casanova (1850-1936), pueta, creatore di u primu giurnale in lingua corsa, A Tramuntana.
U scultore Jean-Mathieu Pekle (1869-1956), autore di "U Voceru", bassu rilievu chì figura nantu à u munumentu à i morti di Bastia.
- À l'11, Auguste Stretti, primu mere ripublicanu di Bastia trà u 1881 u 1882.
- À u 15, u pueta Petru Lucciana dettu Vattelapesca (1832-1909) è u pittore Hector Brunini (1863-1843) chì hà decuratu a volta di a chjesa Santu Stefanu di Cardu è hà espostu e so òpere in parechje capitale d'Auropa.
- À u 21, più precisamente trà u 21 è u 22, à a fine di u XVIIIu seculu, Maria Domenica de Varese nata Cecconi detta a signora Memma, ci avia un "villino",  una bella casa di campagna cù e so stalle,  in un giardinu inturniatu da muri, piantatu d'àrburi fruttìferi è cù una bella surgente.  Sta signora detta "la belle madame de Varese" da i crunachisti francesi, saria stata l'amante di Marbeuf. "A prima volta ch'o vidìi sta donna ... ùn truvai chè una donna nantu a cinquantina, abbastanza fresca, grande, ben fatta ma infarinata finu à u pettu è chì si cunservava i vezzi d'una pullastretta ... (Mémoires d'un Officier de Picardie, 1777).

      Cumpieremu dicendu chì s'è a bellezza è a riputazione di a signora Memma ùn sò più chè per stalvatoghju, un sèculu è mezu dopu, un'altra donna, Hélène Landry Campinchi hà pisatu altu a bandera di a lotta resistente. Hè vera chì u maritu si chjamava solu César Sampiero Auguste Napoléon Jérôme... da riflètteci omu quand'elli si cercanu i nomi pè i so figlioli.
Ma a Corsica, custì, ùn ci ebbe tantu presenza, chè ?