Patrimoine / Patrimoniu

Lugliu di u 1755 : Un bullore demucràticu

Mis en ligne le

, .JPG 315Ko ()

S'apria u 13 di lugliu di u 1755 a Cunsulta di Sant'Antone di a Casabianca chi fece da Paoli u Capigenerale di a Nazione Corsa.

S'apre in u 1729 in Bustanicu inde a pieve di u Boziu u tempu dettu di e revoluzione corse, s'elle sò à i so primi albori una rivolta contru à l'oppressione fiscale imposta da Ghjenuva, vene manu à manu cresciuta a cuscenza è u sìntimu naziunale di u populu corsu, sinu à u mese di lugliu di u 1755 data cusì impurtante chì fù sguassata eppo via facendu scurdata da u listessu populu.

Fù in Castagniccia ch'elle sì scrìssenu isse prime pagine di un capìtulu assignalatu di a nostra storia cullettiva, sbucconu à nantu à l'indipendeza di l'ìsula chì durò 14 anni è fecenu sbuccià tante belle prumesse pè stu populu pacìficu in brama d'ideale è di Libertà.

U fattu si stà chì durante isti trè ghjorni di bullore demucràticu di u mese di lugliu, fù fattu u giovanu Pasquale de Paoli da Capigenerale di a Nazione Corsa à u di Cunventu Sant'Antone di a Casabianca.


S'arremba a soia l'azzione pùblica à nantu à puntelli frà i quali : una custituzione republicana è demucratica chì privede a spiccanza di i puteri è u votu di e donne (sottu cundizione), custituzione cunsiderata cum'è una frà e prime custituzione demucratiche di u mondu fendu di a Corsica un paese mudernu, una zecca pè batte muneta, un'università pè furmà i quatri di a Nazione, un'armata è una marina, svilupperà un'ecunumia soda, un'idea nova di a ghjustizia senza cuncessione pè i "nemichi di a sucetà è di a Patria", tante ragione chi fecenu di ellu u fiore di l'Auropa di i Lumi.

In stu ghjornu sulenne, tenimu u ricordu scummossu è sumente d'avvene di quellu chì disse un ghjornu : "Aghju ghjuratu d'impiegammi solu à prò di a Nazione è di a ricerca di a so libertà"