Patrimoine / Patrimoniu

Place du Donjon/ Piazza di A Corte

Mis en ligne le

Eccu a quarta crunachetta di i carrughji bastiacci.

U nome storicu di sta piazza chì fù impurtante in a vita di a cità à i tempi di Ghjenuva hè "Piazza di Corte", intendite bè Place de la Cour è micca "Place de Corté " cum'elli indèttanu certi piani di l'èpuca francese.

Di chì corte si tratta ? di quella di l'amministrazione ghjenuvese, sigura, ma sta parolla pò avè dui sensi :

- Si chjamava la corte, o la banca, o il tribunale, u locu induv'ella si rendia a ghjustizia. È difatti, da u 1490 à u 1495, fù custruita una di e prime case di Terranova, la casa del Vicario. Il Vicario, duttore in dirittu, era u segondu persunagiu di l'amministrazione ghjenuvese, si pò dì ch'ellu era u vice guvernadore è era appuntu ellu à rende a ghjustizia. U primu guvernadore à vene à stà in Bastia, in u 1490, fubbe Cristòforo Cattàneo. Prima à sta data, dapoi u 1360, i guvernadori eranu stallati in u Castellu di Biguglia. Si pò rimarcà chì a custruzzione di a casa di u Vicariu s'hè fatta attempu à a venuta di i guvernadori in Citatella. A casa, à un pianu solu à principiu, hè diventata oghje a casa Zerbi, compra da sta famiglia pocu dopu à u 1600, cullata tandu di dui piani è furtificata. U Vicariu era statu chjamatu in u frattempu à rende a ghjustizia in u Palazzu stessu. U nome Piazza di Corte puderia dunque ammintà u primu tribunale di Bastia, a corte di ghjustizia. D'altrondre oghje ùn si chjama sempre corte (Currezziunale, d'Assisi, d'Appellu o di i Conti ecc...) l'assemblea di i magistrati in funzione ?

- Ma Piazza di Corte pò ancu indittà ch'ella si truvava in stu locu tutta a corte di u guvernadore. U guvernadore hè in u Palazzu, cun quelli chì l'assìstenu, vicario, sìndico (offiziale incaricatu di e finanze), massaro (tesuriere), cancelliere, fiscale (incaricatu di verificà l'appiegazione di i conti), castellano (guardianu di a furtezza), bargello ( capu di a pulizza), sbirri, è a sèguita di i cucinari è camerieri nicessaria per fà funziunà a vita ind'u palazzu : tutti cumpunenu a corte di u guvernadore è a Piazza di Corte hè forse stata chjamata per stu fattu quì.

U gruppu di travagliu pè a Signalètica hà sceltu di scrive Piazza di A Corte, appuntu per ch'ellu ùn ci fussi cunfusione cù a cità di Corti.

 Figurèmuci sta piazza in i tempi di i so splendori, da u XVIu à u XVIIIu sèculu :

ogni volta chì u guvernadore escia da u palazzu era obligatu à piglià cun ellu una sèguita di dòdeci persone è sunàvanu "a campana di l'arme" quand'ellu surtìa pè a cavalcata à traversu a Corsica o per andà à una cerimonia in chjesa.

Ma a vita ùn era micca solu in u palazzu di i guvernadori, ci si truvàvanu dinù altri edifizii ingiru cum'è quellu di u Magistrato Superiore della Magnifica Comunità della Bastia, vale à dì l'amministrazione di a cità da u podestà è i quattru Anziani. Custruitu da Antonio Tagliacarne, primu podestà di Bastia da u 1488 à u 1498, per esse a so abitazione, l'edifiziu hè chjamatu oghje A Casetta (da quandu ùn si sà, ma prima ch'ellu fussi pisatu à l'altezza attuale) è à u primu pianu ci s'accàsanu i servizii di i Bastimenti di Francia.

Più tardi, in u 1702, Ghjenuva face custruì u palazzu di i Nòbili Dòdeci, per allughjà i dòdeci eletti di a nutabilità isulana chì venìanu à stà signunu un mese à l'annu in Citatella è rapresentà e pupulazioni di l'internu di a Corsica. Prima à l'edificazione di stu palazzu, i Nòbili Dòdeci stàvanu in case private u mese chì li tuccava à esse in funzione à latu à u guvernadore. È a Piazza di Corte era dinù a piazza d'arme di a cità, era custì chì e truppe militare sfilàvanu pè e cerimonie uffiziali, ch'elle c'eranu dimustrazioni di parate à cavallu, ch'elle eranu in fazzione e milizie di u guvernadore.

È poi, a piazza era u locu centrale di l'attività amministrativa, postu chì u pudere era quì : magistrati, dignitarii di a Chjesa, rapresentanti di u populu, cummercianti, micca solu a cità ma a Corsica sana venia à trafficà quì, dumandendu udienza à u Palazzu o essenduci cunvucatu. E gride, i decreti di u guvernadore eranu letti ad alta voce da u gridadore publicu. I prigiuneri eranu purtati incatinati in e prigioni di u Palazzu. Frà elli, Sampieru Corsu in u 1516 è parechje volte gran signuroni corsi in rivolta contru à Ghjenuva, fubbenu lampati in quelle carcere ùmide è puzzulente.

In a so cunferenza presentata in u 1914, intitulata Promenade dans Bastia è fatta stampà in u 1930 da a so famiglia in u Bulletin de la Société des Sciences Historiques et Naturelles de la Corse, Sébastien de Caraffa ci parla di a Piazza di Corte :

"Un des grands écrivains du XIXe siècle, Théophile Gautier, a écrit dans le livre "Voyage en Italie", que chaque ville possède une place, une rue, un carrefour où cette ville a un caractère tout spécial, qui la distingue des autres, qui lui imprime un cachet particulier et Théophile Gautier donne à cet endroit unique le nom pittoresque "d'oeil de la ville". L'oeil de Venise serait "La Piazza San Marco", l'oeil de Florence "La Piazza della Signoria", l'oeil de Milan "La Piazza del Duomo" ... L'oeil du vieux Bastia jusqu'à la première moitié du XIXe siècle eut été certainement "La Piazza di Corte", aujourd'hui Place du Donjon."

Ma quessa era nanzu...

Oghje u nome francese di a piazza hè Place du Donjon. Ci vole à sapè chì stu nome ùn indetta micca u turrione ver di u mare à levante ma u palazzu sanu ellu stessu, furtificatu è chjamatu à principiu il castello da i Ghjenuvesi è le Donjon da i Francesi in u 1770.

Ghjermana de Zerbi, ottobre 2017