Patrimoine / Patrimoniu

U Guvernamentu/Cours Henri Pierangeli

Mis en ligne le

, .PNG 1.7Mo ()

Èccuci, pruposta da Carlu Castellani è Ghjermana de Zerbi, a storia di u Corsu Pierangeli, in u quartiere dettu "U Guvernamentu". Da una banda un ricordu di a stallazione di a Francia in u 1770 è da l'altra l'omagiu à un omu puliticu bastiacciu.

In u 1841 a municipalità bastiaccia decide di spianà u terrenu in pèndita trà u vechju cunventu di i Lazaristi è u carrughju Napuleone d'oghje. Sti travagli permèttenu di cullegà a piazza di u Mercatu attuale à a Piazza Santu Niculà. A strada nova fù chjamata Corsu Louis-Philippe poi Corsu d'Orléans. Più tardi u corsu pigliete u nome di Corsu Maresciallu Sebastiani per finì cù u so nome d'oghje, Corsu Henri Pierangeli.

A tradizione pupulare hà chjamatu è chjama sempre ancu oghje stu corsu è i lochi vicinu "U Guvernamentu". Perchè ? In u 1769, dopu a cunquista francese, u cunventu di i Missiunari lazaristi, fundatu à a fine di u XVIIu sèculu - u liceu Jean-Nicoli d'oghje - diventò a sede di u guvernu, "le Gouvernement". Da quì stu nome, invece di u nome corsu, U Guvernu, o ancu talianu Il Governo.

In sèguitu, u cunventu fù occupatu da i servizii di a prefettura di u Golu, da a Municipalità, da a Corte reale poi fù trasfurmatu in caserna cù u nome di Caserne Marbeuf, primu guvernadore francese di a Corsica. A chjesa dedicata à Sant'Èramu fù  scunsacrata è mutata in magazinu d'artiglieria. Infine, di ghjugnu di u 1904, per iniziativa di u canònicu Letteron, ci si stallete u museu.

Faccia à l'ex cunventu, si trova a casa Roncajolo, custruita in l'anni 1860 da dui fratelli, ricchi armatori. Pocu dopu, questi seranu custretti à vende u so palazzu à Etienne Louis Orenga, industriale bastiacciu di spiccu, chì cumpierà l'edificazione.

U 28 d'agostu di u 1869, l'Imperatrice Eugènia, serà ricevuta in quella chì hè dunque diventata Casa Orenga, a più bella di Bastia, fatta nantu à u mudellu di i palazzi tuscani di u XIXu sèculu, cù i so trentaquattru pezzi à ogni pianu.

U belvedere di Casa Roncajolo Orenga diventerà più tardi u scagnu di u diputatu Henri Pierangeli, figliulinu d'Etienne Louis Orenga.

Henri Pierangeli 1875 -1945

U babbu hè Filippu Pierangeli (1844 -1895), avucatu è agente generale di a cumpagnia Fraissinet. A mamma hè Marie-Louise Orenga (1848 -1931), figliola di Etienne Louis, mintuvatu sopra.

Nipote appiccicaticciu d'Emmanuel Arène -  maritu di a so zia Marie-Laure  Orenga - Pierangeli, natu in Bastia in u 1875, principia cù una carriera ghjurìdica in tantu chè sustitutu di u precuratore di a Repùblica. In u 1906, si lampa in a battaglia eletturale.

À l'elezzioni legislative di u 6 di maghju di u 1906, i Republicani presèntanu dui candidati, Henri Pierangeli è u culunnellu Gaitanu Astima, deputatu. À u primu giru Pierangeli ottene 5 025 voti, Astima 2 350 è u cuncurrente bunapartistu Auguste Gaudin 6 118.

À u segondu giru, u 20 di maghju di u 1906, Astima si ritira è Manuellu Arène intervene per sustene à Pierangeli. Si sà chì tandu Arène facia è sfacia l'elezzioni. Più nisunu pò dubbità di u sboccu di u scrutinu è Pierangeli vince cun 7296 voti contru 6 648 à Gaudin. In sèguitu Pierangeli serà sempre elettu finu à u 1924, data di a so prima scunfitta. Ritruverà u postu quattru anni dopu.

In u 1932, Pierangeli chere un altru mandatu ma hè battutu da César Campinchi, un fiascu chì face compie una presenza di vintidui anni à u Parlamentu. Si pianta tandu a so carriera pulitica, almenu à u pianu naziunale chì Pierangeli ferma Cunsiglieru generale di Ghisoni.

À tempu à a so carriera pulìtica, Pierangeli publicheghja parechji rumanzi cù u nome di Henri Pierhome : Gallochio bandit corse in u 1929, La vie du bandit Bellacoscia in u 1931, La vie du bandit Théodore in u 1934,  La belle parricide in u 1933 è in u 1934 Anna Maria, roman historique. Nantu à a quistione corsa editeghja in u 1922 un studiu : La Corse économique, chì serà una riferenza per parechji anni.

Henri Pierangeli avia spusatu a so cugina Antonia Levie Ramolino, figliola di Marie-Joséphine Orenga, è ebbe un maschju è duie femine. More in Cardu u primu di ghjennaghju di u 1945.