A storia di u tragone

- Agrandir l'image, .JPG 57Ko (fenêtre modale)

Dopu à u carrughju di A Chjappa, chjamatu dinù A Ripa, sceglieremu, prima d'esce da Terranova per falà Inghjò, di schjarisce u nome di un segondu carrughju chì ùn hà più un sensu capiscitoghju. Troppu spessu si leghjenu spiegazioni sbagliate è cummenti strampalati chì ognunu ripete. Pigliemu rue du Dragon/ U Tragone.

Quandu ella hè ghjunta a Francia à amministrà a Corsica, in u 1770, dopu à a disfatta di Pontenovu, unu di i so primi travagli fù di ricensà persone è lochi, poi di discrive animali è culture in l'isula sana. È dinù di stabbilisce una cartugraffia cumpletta. Fù u famosu Plan Terrier, fattu da l'ingegneri è dissignadori di u rè Luigi XVu.  A descrizzione essendu fatta in francese, simu custretti à ripiglià i so termini.
A nostra Rue du Dragon d'oghje purtava quattru nomi da cima à fondu. A prima parte, a più in sù era Rue Farinole et Morlas. À mezu, si chjamava Rue Carbuccia è in fondu Rue des Chartreux.
E trè casate ammintate èranu quelle di nòbili chì avianu i so casali custì : a casa Farìnole, distrutta ver di l'anni 1960, si truvava nantu à ciò chì si chjama oghje Piazzetta Geniu Annarella.
A casa di a famiglia Morlas (in bastiacciu si prununciava Mòrla)  hè data cum'essendu u 2, carrughju di U Tragone.
Infine quella di i Carbuccia, venuti da u paese di e parti d'Aiacciu, si truvava à l'attuale numeru 13 di u carrughju di U Tragone. Hè stata scapata da i bumbardamenti inglesi in u 1745.
Ferma l'ultimu pezzu chì ammintava i Certusini, in francese les Chartreux. Difatti in fondu di stu carrughju esistiva dapoi u XVIIu sèculu, un stabbilimentu religiosu chì dipendia da a Certosa di Pisa. Ùn era micca un cunventu cum'è l'altre Certose di Francia è d'Italia, sola una casa succursale per amministrà i beni di st'Òrdine in Corsica. Sta Certosa ùn esiste più.
Ferma avà à schjarisce "le Dragon". E duie spiegazione date quì è quallà sò false. U carrughju ùn deve u so nome nè à un scogliu à forma di Dragone accantu à u portu, nè à una caserna di i Dragoni chì si truvava custì. Avemu quì un topònimu vechju, chì si trova dapertuttu in Corsica, da a zona industriale di Bastia Tragone à A Ristònica è à U Monte Traunatu, trà Ascu è I Castiglioni è ùn li possu cità tutti, ci ne hè tantu.
U Tragone, Tracone, Dragone indetta un precipiziu o un ghjargalu o un vallone strettu segondu a natura di u terrenu è l'altitutine. I vechji piani ghjenuvesi chjamanu "Punta del Dragone" u scuglione chì guarda ver di levante, à l'entre di u Vechju Portu.
Diventata "Pointe du Dragon", quand'ella ghjunse a Francia, fece nasce per certi u mitu di u scogliu di u Dragone, fratellu di U Leò, chì esistia à mezu portu è chì hè statu distruttu in u 1864 per fà locu.
A Citatella essendu stata per sèculi è sinu à pocu fà locu di difesa militare di a cità, batterie, cannoni, pulverere è arsanali empiianu i so quattru bastioni, San Carlu, San Ghjuvanni, Santa Maria è appuntu U Dragone.
Cusì chì da U Tragone, nome di u scogliu à piccu si passete à l'animale u Dragone (chì in corsu si chjama d'altronde u tracu, u dragu) o à u nome di u regimentu (chì tandu si saria chjamatu les Dragons).
S'ellu ci vulissi à tutti i patti una traduzzione, quì saria Rue (è in portu, Jetée) de la Falaise.