Un terzettu di Rusiu

La vidéo

Terzettu di Rusiu

Les Paroles

 Eccu pur ghjuntu, u ghjornu il di funestu

D'abbandunà i piaceri à i mei turmenti

O Diu Chi tristu ghjornu hè per mè questu

 

Vecu le mie fatighe è li mei stanti

Percepire i frutti al mio rivale

Ed eu rimangu frà pene e turmenti.

 

Sè piu ci pensu è più mi cresce il male

Son qui per ditti la mio passione

Ch'eu fui sempre sinceru è liberale.

 

Restai privu di sensu è di ragione

Pensendu ai ghjorni caminati inseme

So diventatu servu da patrone.